Home Page - Progetto 3T

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Villaggio di Todomè
 

Provate ad immaginare una strada di terra rossa. Provate a immaginare di scendere da un mezzo di fortuna che vi ha fatto percorrere 280 km di strada sterrata tenendovi stretti perché ad ogni buca qualche ferro strano spunta da un sedile consunto e vi fa male.

Provate ad immaginarvi esausti ma inebriati dagli odori e dai colori che avete percepito e visto percorrendo questa strada. Avete intravisto i primi villaggi al limitare della strada, avete visto fuochi illuminare ed incendiare la brousse, avete visto le prime donne nere portare sulla testa pesanti fascine e avete visto bambini correre dietro il vostro mezzo urlando e sorridendo e dicendo una parola che presto entrerà a far parte del vocabolario della vita di tutti i giorni: yovooh (uomo bianco).

Questo è il viaggio da Lomè (capitale del Togo) a Todomè,
il villagio protagonista del progetto 3T.

Africa
 
Il Togo è uno stato dell'Africa occidentale che si affaccia sul golfo di Guinea: confina a ovest con il Ghana e ad est con il Benin. Il paese si allunga dall'Atlantico verso l'interno per circa 550 km passando dalla zona costiera alla regione degli altipiani attraverso un territorio argilloso dove si possono incontrare almeno una trentina di gruppi etnici dagli Ewè agli Akposso. E' una repubblica presidenziale con capitale Lomè, importante città portuale. L'economia del Togo "vanta" uno dei redditi procapite più bassi dell'Africa. La risorsa principale è costituita dall'agricoltura che però viene utilizzata quasi esclusivamente per l'autoconsumo. (Fonte Wikipedia)

Todomè è un piccolo villaggio situato sull’altipiano nella prefettura di Wawa, al limitare della foresta. Conta 2.800 abitanti, di cui circa 1.200 sono bambini. Qui la gente vive, per lo più, in capanne o in case di fango. Nel villaggio convivono pacificamente diverse fedi religiose (cattolici, protestanti, musulmani, testimoni di geova ed animisti).
 
Todomè
 
Torna ai contenuti | Torna al menu